Lumen de Lumine

Vita periodico

1905-1908

Titolo

Lumen de Lumine

Sottotitolo

Bollettino mensile

Motto

“Io sono la luce... voi siete la luce”

Luogo di pubblicazione

Venezia

Tipografia - Casa editrice

Tipografia dell’Istituto Evangelico Industriale

Sede

Direzione: Rev. A. Taglialatela, via del Carbone 3, Bologna; amministrazione: Rev. Gaetano Conte, ponte San Gregorio 119, Venezia [da III, n. 6 (15 giugno 1907)] Amministrazione: Alfredo Antonini, Cannaregio 923 (direttore dell’Istituto Evangelico Industriale) [da IV, n. 7 (15 luglio 1908)] Direzione: Luigi Lala, via Firenze 38, Roma

Numero pagine

Varie (da 34 a 40)

Formato

23,7x17,2

Prezzo

Cent. 50 (estero cent. 75), a.a. £. 5 (estero £. 8)

Periodicità

Mensile

Indici e sommari

L’indice delle prime tre annate  è inserito in un foglio fuori rilegatura all’inizio del n. 4 (15 aprile 1908).

Organi direttivi

Direttore: Alfredo Taglialatela; gerente responsabile: Rev. Gaetano Conte [da III, n. 6 (15 giugno 1907)] Gerente responsabile: Domenico Calore [da IV, n. 2 (15 febbraio 1908)] Gerente responsabile: Chiaranda Nicola [da IV, n. 7 (15 luglio 1908)] Direttore: Luigi Lala

Firme e collaboratori

Mario (o Maria) Corelli, Pietro Taglialatela, Conte Arcangelo di Chiaromonte, Alma Gorréta, V. Garretti, un vecchio cultore d’innologia sacra, Vigezio (o Vigenzio o Vigensio), Felice Cacciapuoti, S. Beruatto, Oscar Grosheintz, Oscar Cocorda, Jhon H. Vincent, un discepolo [di Gaston Frommel], Gisella Fadin, M.C., Blanche De Rham, A.N., Franco Panza, V.G., effe, Giovanni E. Meille, Nestore, Vincenzo C. Nitti, A.G., Guglielmo Nesi, F. Coulin, F. Bovon, Carlo M. Ferreri, A. Buràttini, C.M. Sheldon, Ed. Taglialatela, F.C., Dante Cocorda, G. Allievo, Lodovico Vulicevic, M.L., Guglielmo M. Thayer, Christo de grege, A. Viguè, Felice Dardi, De Witt Talmage, Albert Goodrich, C.H. Spurgeon, U. Sarrubbi, Giuseppe Banchetti, Paolo Mantegazza, G.T., Enrico Piggott, Luigi Lala, H. Mouchon, Leopardo, Santi Stagnitta, Naumann, Guido Villa, V. Tmmolo, Vittoria Aganoor, E. Creissel, G. Fulliquet, Adolfo Baci, Furio Lenzi, E. Dhombres, Karl Gerok, A.W. Appuhn, Giovanni Vidari, Ugo Della Seta, M., R.S. L. Gaussen, S. Mastrogiovanni, B. Labanca, Raffaele Wigley

Profilo storico editoriale

“Lo scopo di questo bollettino è essenzialmente religioso. Contiene studi biblici, schemi omiletici e bibliografie, di opere che hanno rapporto con la questione religiosa. È una rivista dedicata ai ministri del culto e ai fedeli che desiderano tenersi al corrente dei risultati pratici dell’odierno pensiero cristiano. La trattazione degli argomenti riveste la forma serena che si addice alla stampa evangelica.”, Trafiletto che compare sul rovescio della copertina di tutti i numeri. “(…) Per intenderci, dunque, ma su che? Nient’altro che sul carattere di questo Bollettino. Nessuno lo prenda per l’emanazione di una scuola vecchia o nuova, conservatrice o liberale, cristiana sociale o… selvaggia e pagana. Il Bollettino non conosce scuole, come non vuol saperne di denominazioni. Esso crede che l’Evangelo è una fonte saliente in vita e che a nessuno competa il diritto di raccoglierne poche goccie in un orciuolo di terra cotta per presentarle agli astanti come se fossero l’Evangelo, tutto l’Evangelo. Il Bollettino crede che quando non regna l’accordo tra gli interpreti delle Scritture, ciò non indica sempre che la ragione stia da una parte e il torto dall’altra. Come nella vecchia leggenda del Talmud è possibile che anche su questi nuovi discepoli di Hillel e Shammai tuoni la voce celeste annunziante che le due dottrine sono egualmente parola di Dio… Missa est vox de coelo dicens: Utriusque verba sunt verba Dei viventis. A che spaventarci della varietà delle interpretazioni se essa rappresentano i lati diversi della poliedrica e immensa verità? A che scomunicarci a vicenda e lanciare del «conservatore» a destra e del «rompicollo» a sinistra, se non ancora ci è dato di salire al punto sovrano di nel quale si coglie l’armonia dei contrari? Non è meglio prendere atto serenamente, imparzialmente di quanto la Rivelazione ci insegna e farne tesoro per la pratica della vita cristiana? È forse di suprema necessità trovarsi su questo o quel punto della periferia quando Cristo rimane al centro e tutti i raggi conducono a Cristo? Colleghi e fratelli d’Italia, in questo patto di liberalità e fraternità, il Bollettino è vostro. Mandateci il meglio dei vostri pensieri, della vostra anima cristiana”, Per intenderci, I, n. 1 (15 ottobre 1905), pagine non numerate.
Presenta pezzi contro l’ateismo e la sua morale, dei “Bozzetti omiletici” – spesso tratti da autori anglosassoni o francesi -, recensioni di libri sia italiani che stranieri, si interessa anche della questione sociale e della posizione dei cristiano di fronte ad essa. Non mancano interventi sui rapporti tra Stato e Chiesa, o di polemica contro il riformismo cattolico, accusato di essere razionalismo mascherato, mentre è apertamente osteggiato il modernismo, che, secondo il giornale, sarebbe decisamente al di fuori dell’ortodossia cattolica, riprendendo tesi delle eresie dei primi secoli (Arianesimo e Pelagianesimo in particolare). Si possono trovare anche cenni alle posizioni filosofiche sia di Croce che di Gentile. Anche la questione dei rapporti con gli ebrei è presente, in termini piuttosto pacati e sostanzialmente concilianti o quanto meno avversi al sionismo tanto quanto all’antisemitismo: “presso le genti europee più civili la persecuzione da lungo tempo è cessata, e la disfatta del sionismo mostra che gli ebrei, non forzati ormai a solidarietà ferrea dal flagello di un odio incivile, non costituiscono più l’unico Asvero di un tempo …”, cfr. La leggenda dell’ebreo errante, III, n. 7 (15 luglio 1907), p. 196.

Annotazioni

In seconda di copertina il sottotitolo muta in “Bollettino mensile per lo sviluppo della vita cristiana”. La numerazione delle pagine è progressiva all’interno di ogni annata. Le pagine non sono numerate. II n. 7 (15 luglio 1906) ha le pagine non ancora tagliate.

Reperibilità

Biblioteca Universitaria - Padova

Collocazione

Coll. Riv. 457a

Consistenza

I, n. 1 (15 ottobre 1905) – IV, n. 12 (15 dicembre 1908)

Conservazione

Mediocre

Compilatore

Soggetti

Parole chiave