Arte italiana decorativa ed industriale

Vita periodico

1890-1911

Titolo

Arte italiana decorativa ed industriale

Sottotitolo

Periodico mensile pubblicato sotto il patrocinio del Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio

Luogo di pubblicazione

Venezia

Tipografia - Casa editrice

Ferdinando Ongania Editore (Stabilimento Tip. Lit. Ferrari, Kirchmaÿr e Scozzi)

Numero pagine

c.a. 240 per annata

Formato

44x30

Prezzo

s.i.p.

Periodicità

Mensile

Indici e sommari

Indici per annata

Firme e collaboratori

P.G. Molmenti, Guglielmo Stella, G.M. Urbani De Gheltof, P. Oreffice, Pietro Paoletti di Osvaldo, Nicolò Barozzi, Luigi Archinti, G.M., A.M., C. Allegri, arch. Raffaello Ojetti, Alberto Puschi, Ferdinando Ongania, Guido Landi, Giovanni Tesorone, Alfredo Melani, Giovanni Stern, Giovanni Lavezzari, P.D.B., M., Corrado Ricci, E. Nani, F. Alberti, U., O., D., G. Bertolini, Marcello, P.P., Luigi Borsari, A. Breda, E. Perodi, Raffaele Erculei

Profilo storico editoriale

Il periodico pubblica brevi saggi, immagini e riproduzioni riguardanti l’artigianato artistico e l’arte applicata, in preferenza veneziana: decorazioni marmoree, lignee, in ferro, armi, particolari architettonici. Da notare che editore (Ferdinando Ongania), fotografo (Carlo Jacobi), tematiche, anno di pubblicazione e formato della rivista sono le stesse del “Portafoglio delle arti decorative in Italia”. Il Programma della rivista è pubblicato in I (1890-1891), pp. 7-8.

Annotazioni

La prima annata (1890-1891) è costituita da 117 pagine iniziali di testo, cui seguono 52 tavole fotografiche riprodotte in eliotipia (negative fotografiche Oreste Bertani; positive in Eliotipia Carlo Jacobi) e circa 70 tavole con disegni di “dettagli” e particolari, formato 30x48, ripiegate in quattro; il testo scritto della sezione iniziale rimanda alle tavole. L’annata risulta un volume omogeneo, né è possibile ricostruire in alcun modo la periodicità (che solo dal sottotitolo risulta mensile) o l’originale suddivisione in fascicoli. La rivista fu pubblicata per almeno un ventennio (le copie reperibili arrivano fino al 1911, annata XX), ma solo la I annata (1890-1891) viene stampata a Venezia. Da II (1892-1893) essa risulta diretta da Camillo Boito e pubblicata da “Frat. Cattaneo succ. a Gafurri e Gatti Editori, Roma-Milano-Venezia-Bergamo”; stampa dell’Istituto Italiano d’Arti Grafiche di Bergamo; “associazione e distribuzione Libreria Ferdinando Ongania, Venezia”. Dall’anno III (1894) Ongania e Venezia non hanno più alcun ruolo nella pubblicazione della rivista, coedita da Ulrico Hoepli di Milano e dall’Istituto Italiano d’Arti Grafiche di Bergamo (che ne cura anche la stampa). Presso la Fondazione Cini è conservata una collezione con il titolo in francese, “Art Italien Decoratif Industriel”, I (1891).

Reperibilità

Biblioteca Nazionale Marciana; Museo Correr; Istituto Universitario Architettura - Biblioteca Centrale

Collocazione

Bnm: Per. 174
Mc: Per. E 61
Bga: Perris-Scr Arte Italiana Artide

Consistenza

Bnm: I (1890-1891) – XX (1911)
Mc: I (1890-1891)
Bga: I (1890-1891) – XX (1911)

Conservazione

Buona

Studi e bibliografia

Copia digitale del periodico è consultabile qui

Compilatore

Soggetti

Parole chiave